Monday, 29 November 2021

Tutte le domande saranno presto tracciabili, parola dell'ente previdenziale. A non pochi richiedenti non arriva ancora il bonus 600 euro INPS perché questo non risulta accreditato sul proprio conto bancario.

Eppure, l’importo, secondo quanto dichiarato dallo stesso ente previdenziale, è in distribuzione da mercoledì 15 e proprio entro oggi doveva essere alla portata di tutti. Chiariamo dunque quali siano i tempi esatti per l’elargizione della misura del decreto Cura Italia.

Come riportato anche nel tweet in chiusura articolo e dalla viva voce del team social INPS, i pagamenti del bonus 600 euro sono ancora in esecuzione proprio in queste ore. Ciò significa che nel corso della giornata odierna ancora molti potrebbero vedere accreditarsi appunto la preziosa somma o al massimo nelle prime ore di domani, sabato 18.

Potrebbero esserci tuttavia dei problemi nell’accredito del bonus 600 euro INPS? Sempre come indicato nel cinguettio in questo approfondimento, l’ente previdenziale non esclude del tutto che possano anche essere presenti delle anomalie ma queste ultime verranno comunicate in maniera puntuale da parte dello stesso ente. In pratica, eventuali disguidi per l’accredito tanto atteso saranno gestiti in maniera individuale e privata. Chi, almeno fino a questo momento non ha ricevuto alcuna comunicazione attraverso mail o altro mezzo di contatto fornito al momento della richiesta non deve temere. Piuttosto dovrà attendere solo un po’ in più.

Chi è ancora a corto del bonus 600 euro INPS si chiede pure se ci una modalità per tracciare la propria domanda, per capire lo stato della richiesta dell’indennizzo in qualsiasi momento, pure per capire se quest’ultima è stata accolta o meno. Ebbene, sempre l’ente previdenziale ha indicato che ben presto sarà messa a disposizione proprio una sezione del sito dedicata all’analisi dell’iter delle domande. Peccato che non ci siano state, tuttavia, indicazioni temporali più puntuali al riguardo ma l’attesa potrebbe essere, a questo punto, davvero breve, al massimo nell’ordine di qualche giorno.

FONTE: di Enza Bocchino optimagazine.com

Pin It